© 2020 — credits
il nostro obiettivo è

mostrare
percorsi e
opportunità

trasmettere
nuove
motivazioni
costruire
insieme
nuovi scenari
scopri
di più ↓

mission

cosa vorremmo fare

Saper "leggere" il mercato del lavoro, analizzarlo e costruire iniziative e progetti, realmente attivi, che portino ad una maggiore inclusione, soprattutto per chi parte da situazione di svantaggio competitivo.

Essere nel mondo significa, per noi, saperne prevedere i cambiamenti e premunirsi per affrontarne le sfide. Molti altri, però, là fuori, non si trovano nella condizione di poter partecipare attivamente, in qualità di persone, cittadini, lavoratori, a questo progetto e ciò rischia di determinare un impoverimento generale della società. Il nostro obiettivo è di aiutare quei soggetti che in ambito lavorativo e quindi anche socio-economico risultano competitivamente svantaggiati a sviluppare una solida consapevolezza di sé, del proprio valore e dei propri mezzi, a ritrovare un baricentro, un punto di partenza dal quale orientarsi verso il futuro.

come vediamo il mondo

Un mercato più inclusivo, aperto, che sappia costruire risorse, non solo utilizzarle, e che faccia rientrare sempre di più nel concetto di "lavoro" quello di formazione.

Formarsi, aggiornarsi, recuperare conoscenze ed esperienze utili è un passaggio imprescindibile per consentire a chi rimane indietro di recuperare il gap in modo soddisfacente e tempestivo e trovare la propria collocazione in società. Officina Futuro può tendere la mano e facilitare questo recupero, utile non soltanto a ciascuno dei soggetti coinvolti per pensarsi nel mondo ma anche a fare in modo che il mercato del lavoro divenga sempre più inclusivo e aperto, sappia costruire risorse e non solo utilizzarle, e che faccia rientrare sempre più nel concetto di "lavoro" quello di formazione.

vision

Officina futuro si occuperà di

orientare
e cercare
di riorientare

creare cultura
del lavoro
e nel lavoro

valorizzare
e reinserire figure
lavorative over 50

sviluppare
nuove e diverse
abilità

promuovere
progetti e attività
inclusivi

combattere
le disparità
e gli stereotipi

attività

le nostre attività:

. progetto

Girls code it better

Pur essendo portate anche più degli uomini verso le professioni scientifiche, solo una percentuale limitata di ragazze arriva poi a intraprenderle. E' nato così il progetto Girls Code it Better, che coinvolge le ragazze delle scuole secondarie di secondo grado. Tramite incontri e lezioni, degli esperti aiutano le studentesse ad acquisire le migliori competenze e abilità in ambito digitale. Questo perché, in un futuro prossimo, siano più preparate e determinate a sfruttare le migliori opportunità lavorative offerte dal settore, o a crearsene in autonomia.

scopri tutte le attività

le ultime news

Rimani aggiornato:

La via femminile all'Hi-Tech

24.01.2020

Enrica e Adriana, con la start up Orange Fiber, ricavano tessuti dagli scarti di mele e arance; Alessia Guarnaccia, con la sua azienda, Pandora, trasforma i rifiuti non riciclabili in materiali da costruzione; Lavinia Sartori, ingegnere, fondatrice di Ri-Legno, sfrutta potenzialità e impieghi del legno in campo edilizio; Elisabetta Foradori, imprenditrice vitivinicola del Trentino, è specializzata nella biodinamica… business originali, ecosostenibili e redditizi, nati dall'innovazione digitale. Tutti cresciuti in Italia, pur tra mille difficoltà, culturali e materiali. Tutti fondati da donne. Molti dei più recenti progressi nel campo dell'Hi-Tech, infatti, sono merito loro.

Le protagoniste di queste piccole imprese hanno applicato al lavoro di team un approccio originale, fatto di pragmatismo, sensibilità e talento nel rendere ogni problema un'opportunità. Soprattutto, con l'impegno e i risultati, hanno acquisito l'autorevolezza sufficiente a farsi rispettare e valere in ambiti poco praticati o tradizionalmente maschili.

leggi tutte le news

hai bisogno di maggiori informazioni?

Compila il form

domande?